Riccardo Sinigallia, l’importanza di sapersi dire “Ciao cuore”

Riccardo Sinigallia racconterà la sua esperienza nel mondo della musica alla Napier Academy: sarà tra gli speaker del prossimo Master in Marketing e Comunicazione per la Musica

Riccardo Sinigallia confermato tra gli speaker del prossimo Master in Marketing e Comunicazione per la Musica della Napier Academy. Musicista, autore e produttore di brani indimenticabili, da lui c’è senz’altro molto da imparare.

Riccardo Sinigallia è un musicista a tutto tondo, produttore e autore. L’importanza delle parole è chiara in ogni sua canzone, il delicato equilibrio tra testo e musica è una ricerca continua tra esperienza e sperimentazione. Saper comunicare è un’arte, e dagli artisti non possiamo far altro che imparare l’importanza della nostra forza comunicativa in un campo così complesso come quello del mondo della musica.

Tutte le collaborazioni di Sinigallia

Riccardo Sinigallia, classe 1970, nasce e cresce a Roma. Sarà proprio questa città il fulcro delle sue prime collaborazioni importanti: nella scena underground capitolina inizia a suonare nei 6 Suoi Ex (prima conosciuti come 10 PM Band) in una formazione composta, tra gli altri, anche da Niccolò Fabi e Francesco Zampaglione (fratello di Federico, Tiromancino). La band resta attiva pochi anni e si scioglie nel 1993, da lì Sinigallia inizia il suo percorso da autore, produttore e arrangiatore. Sono tantissimi i progetti a cui ha lavorato che possono rendergli onore: la produzione dei primi due dischi di Niccolò Fabi, la firma di canzoni come “Vento d’estate” (di cui è co-autore con Max Gazzè) e “Lasciarsi un giorno a Roma”, il featuring con Frankie hi-nrg per “Quelli che benpensano”. Impossibile tralasciare la sua collaborazione con i Tiromancino proprio negli anni de “La descrizione di un attimo”, album che ha segnato la svolta nella carriera del gruppo: Riccardo Sinigallia ne ha curato la produzione e co-firmato tutte le canzoni. Tra i lavori più recenti a cui ha preso parte ricordiamo la sua produzione per “Non erano fiori” del rapper Coez e “La fine dei vent’anni” di Motta (disco vincitore del Premio Tenco 2016 come miglior opera prima).

La carriera solista

Oltre a lavorare alle canzoni degli altri, Riccardo Sinigallia porta avanti anche la sua carriera solista come cantautore. È da poco uscito il suo quarto album in studio, “Ciao cuore”, pubblicato il 14 settembre 2018 per Sugar Music. Di questo disco avevamo già potuto sentire “A cuor leggero”, traccia finale che Sinigallia aveva composto per “Non essere cattivo”, film del 2015 di Claudio Caligari con Luca Marinelli e Alessandro Borghi. Finora, dall’album è stata estratta come singolo solamente la title track, accompagnata da un videoclip interpretato da Valerio Mastandrea. Il tour di presentazione di “Ciao cuore”, prenderà il via da gennaio 2019. «A Roma “ciao cuore” – o meglio “ciao core” – si dice quando ci si saluta e con una punta di cinismo e di ironia si vuole comunicare l’idea che ciò che serviva dire lo si è detto».

Napier Academy

Formazione in Marketing per l’Entertainment

Napier SRL Via Giovanni Cantoni,7 20144 Milano | P.IVA / CF 06280250488 | Cap. Soc. € 70.000 i.v. Tel 02 49764139 | Whatsapp 391 7791533