Le serie TV delle ragazze

Oggi a raccontare le storie al femminile ci pensano le serie TV. Showrunner come Phoebe Waller-Bridge ed Amy Sherman-Palladino, attrici del calibro di Nicole Kidman e Meryl Streep hanno investito sul grande valore delle donne. Il risultato è un vero e proprio fenomeno nato attorno alle protagoniste di piccoli capolavori televisivi. Eccone 10 in cui perdersi in un consigliatissimo binge watching.

Girls

Vincitrice di due Golden Globe, Girls è il Sex and the city 2.0. Creata da Lena Dunham è la serie Tv che in sei stagioni ha raccontato, senza peli sulla lingua, la vita di quattro ventenni a New York: la disinibita Hannah aspirante scrittrice con disturbi psichici, la sua migliore amica Marnie egocentrica e perennemente insoddisfatta dalle sue relazioni sentimentali, la ribelle Jessa e la candida Shoshanna. Quattro archetipi femminili, moderne Piccole donne.

Orange is the new black

Appassionatasi alla storia vera di Piper Kerman, che nella sua autobiografia racconta della sua esperienza in carcere, nel 2013 Jenji Kohan realizza Orange is the new black. La storia è quella di Piper, una ragazza carina e benestante condannata per un fatto avvenuto dieci anni prima (ha trasportato una valigia piena di soldi per conto della sua ex amante Alex, una trafficante di droga). Nel carcere femminile in cui è rinchiusa imparerà a convivere con donne ai margini (immigrate, trans, povere) e a riavvicinarsi ad Alex. Sette stagioni per la serie icona della comunità LGBT.

Fleabag

Dalla mente geniale di Phoebe Waller-Bridge nasce uno spettacolo teatrale poi trasformato, per nostra fortuna, in serie TV. La protagonista è una 30enne londinese sarcastica e dalla vita poco equilibrata: la sua attività sessuale è incontenibile, ha una relazione conflittuale con la sua famiglia, gestisce a fatica una caffetteria a tema porcellini d’India che aveva aperto con la sua migliore amica, morta in un incidente. Nel cast c’è anche la divina Olivia Coleman nei panni della matrigna. Solo due preziose stagioni per innamorarvi di un personaggio bellissimo.

Big little lies

Il cast da urlo – Nicole Kidman, Reese Witherspoon, Laura Dern, Shailene Woodley e Zoe Kravitz – è già una delle ragioni per seguire questa avvincente dark comedy, tratta dal best seller di Liane Moriarty. La storia, ambientata in una cittadina della California, è quella di cinque amiche, ognuna con una condizione personale e familiare poco serena (c’è chi subisce abusi dal marito, chi lo tradisce e chi sta crescendo un figlio frutto di una violenza). Le donne si ritroveranno coinvolte in un caso di omicidio, che le spingerà a raccontare piccole e grandi bugie a tutti quelli che stanno loro intorno. La seconda stagione regala una pazzesca interpretazione di Meryl Streep.

GLOW

Glitter, suplex ed Eightes a gogo per la serie che ha cambiato la concezione del corpo femminile in TV. Ruth e Debbie sono due ex amiche (la prima è stata a letto col marito della seconda) che combattono le loro lotte sul ring delle GLOW, le Gorgeous Ladies of Wrestling, un gruppo di donne wrestler guidate dal burbero (ma infondo dolcissimo) Sam, un regista di B-movie. Protagonista una energica e fiera Alison Brie.

Killing Eve

È la serie che nel 2017 ha sorpreso critici e pubblico, non a caso la sceneggiatura porta la firma di Phoebe Waller-Bridge. Due le donne protagoniste: Eve (una Sandra Oh in stato di grazia che per la sua interpretazione vince un Golden Globe) un’annoiata funzionaria dell’MI-5 e Villanelle (Jodie Comer) una portentosa killer sociopatica. Le due si daranno la caccia, diventando una l’ossessione dell’altra. In tutti i sensi. Una elettrizzante spy story, tratta da Villanelle, una novella scritta da Luke Jennings.

Le terrificanti avventure di Sabrina

Incantesimi oscuri, sacrifici di sangue e morti raccapriccianti rendono terrificanti le avventure di Sabrina Spellman, la strega mezzosangue di Greendale. La storia è quella di una teenager, che assieme alle zie Hilda e Zelda, il cugino Ambrose e il famiglio Salem, dovrà affrontare le conseguenze del suo battesimo all’Oscuro Signore. La serie è tratta dal fumetto omonimo di Roberto Aguirre-Sarcasa e Robert Hack.

La fantastica signora Maisel

Amy Sherman-Palladino è regina indiscussa delle serie TV. Dopo il successo mondiale di Una mamma per amica, ha superato se stessa ideando La fantastica signora Maisel, la storia (ambientata negli anni Cinnquanta) di Miriam “Midge” Maisel, moglie e madre perfetta che rivoluziona la sua intera vita quando si rende conto di avere un incredibile talento comico. Da lì la sua ascesa verso il successo nella stand-up comedy.

The Handmaid’s Tale

9 Emmy e 2 Golden Globe per la serie più discussa degli ultimi anni. Riuscito adattamento del romanzo omonimo di Margaret Atwood, racconta di una realtà distopica, in cui il regime totalitario di Gilead prende il comando degli Stati Uniti. A seguito di disastri ambientali solo alcune donne sono ancora fertili, tra queste Offred (Elisabeth Moss) un’ancella costretta a subire violenze dal proprio padrone con lo scopo di dargli dei figli. Tra torture e sospetti di tradimento Offred cercherà di sopravvivere all’orrore, per ritrovare la figlia che le è stata portata via.

Non uccidere

Tanti si sono appassionati alla cupa storia dell’ispettore di polizia Valerio Ferro, interpretata da una sorprendente Miriam Leone. Ogni puntata è dedicata all’indagine di un crimine commesso nella città di Torino. Le investigazioni poi si intrecciano col passato della protagonista, tormentato dall’omicidio del padre di cui è accusata la madre (Monica Guerritore). Solo due stagioni (purtroppo) per far luce sulla verità.

Napier Academy

Formazione in Marketing per l’Entertainment

Napier SRL Via Giovanni Cantoni,7 20144 Milano | P.IVA / CF 06280250488 | Cap. Soc. € 70.000 i.v. Tel 02 49764139 | Whatsapp 391 7791533